Turislucca

Facciata Cappella di Meati

La devozione, la solidarietà e la pestilenza. La cappella sulla via per Meati a Lucca.

Scritto il by

Ci sarò passato davanti chissà quante volte e da tempo mi riproponevo di prenderla in considerazione. Mi riferisco alla cappella di notevoli dimensioni che si trova lungo la via che da San Donato, passato il semaforo che incrocia il viale che conduce verso l’autostrada cosiddetta “Bretella”, prosegue verso Meati, subito dopo il sottopasso autostradale. Ultimamente, da disoccupato, ho molto tempo per passeggiare lungo le strade di campagna. Spesso mi sono imbattuto in edicole votive più o meno ben conservate, ben visibili presso i crocicchi delle strade paesane. Sono dedicate ai più disparati santi; alcuni più strettamente legati alla devozione locale, altri molto noti, quantomeno in tutta Italia. Nessuna però è comparabile a quella che vi voglio descrivere oggi, pur essendo ormai decontestualizzata da quella campagna che in origine la doveva circondare. Ai nostri giorni, infatti, è circondata da costruzioni...

Piazza San Michele deserta

Città deserte

Scritto il by

Un touch sullo schermo, poi un dito sulla ” f ” bianca in campo blu, lo scorrere delle immagini. Fermo lo sguardo su alcuni post che mostrano le città d’arte italiane e fra queste Lucca, nel giorno di Pasquetta. Filmato di Firenze: Duomo e Battistero, piazza della Repubblica, Santa Maria Novella, Piazza della Signoria, lungarni. Filmato di Lucca: Via Fillungo, Anfiteatro, Piazza San Michele, incrocio di canto d’Arco. Ovunque strade e piazze deserte. Solo gli autobus urbani, totalmente vuoti, si muovono lungo i loro circuiti prestabiliti come miniature di un diorama dei trenini elettrici. Sequenza dopo sequenza, scatto dopo scatto, i filmati come le fotografie, cristallizzano ancora di più la sospensione del tempo nell’assenza di un elemento fondamentale: la vita. Leggo e mi sconcertano i commenti. “Fantastico”, “Che bella Firenze deserta”, “Bella mi Lucca! La vedremo più così bella” e...

Una guida in casa è una guida in gabbia

Scritto il by

Quando in Italia si diventa guida turistica di professione lo si può fare alcune volte per necessità, alcuni invece lo scelgono come un part time, in attesa del lavoro “vero”, sogno di una vita. Faccio questo lavoro da più di trenta anni anni per pura vocazione e con molta passione. Forse troppa passione, visto che i miei familiari mi rimproverano di anteporre la mia professione ai doveri della casa e allo svago personale. Forse hanno ragione ma tant’è, è parte della mia vita. Mi viene in mente un mio caro amico. Ogni volta che mi incontrava per strada mentre ero al lavoro, sorridendo mi gridava sempre questa frase: “Ma te sei sempre a giro per la strada a parlare? Non lavori mai? “. E forse ha ragione. Il mio lavoro è bello. Mi diverte. Non mi pesa. Tuttavia, in...

una strada di Lucca deserta

Città vuota, ma non per sempre

Scritto il by

Stiamo vivendo momenti mai vissuti prima. Il virus chiamato da tutti Coronavirus o Covid-19 ha cambiato in pochi giorni, direi in poche ore, la vita di ogni italiano. I vecchi, come i nostri padri o madri, da bambini hanno vissuto la guerra, la fame, la sofferenza. Ma questa è una guerra contro un nemico subdolo e invisibile che insinua angoscia e insicurezza. Le strade sono deserte. I negozi chiusi. La gente è rintanata dentro le proprie case, piccole o grandi, belle o brutte. Anche gli antichi edifici storici, che con tanta passione abbiamo amato e raccontato quotidianamente sino a ieri, quasi non esistono più, non li immaginiamo più, sono come scomparsi di fronte a problemi e paure più grandi di loro. Sono andati a dormire aspettando il nostro ritorno. E si capisce guardandosi intorno che questa vita non è...