Turislucca

WhatsApp Image 2019-11-12 at 15.31.32

Il commento di Giacomo Puccini alla lapide che ricordava il luogo dove visse il compositore Boccherini in via della Dogana.

Scritto il by

Articolo della serie: “11 Curiosità da vedere e conoscere a Lucca” Di fronte all’albergo San Martino, in via della Dogana, è stata ricollocata la lapide per ricordare il luogo dove Luigi Boccherini, celebre compositore lucchese noto per il famoso minuetto, trascorse alcuni anni della propria vita. La lapide fu tolta infatti durante il periodo fascista perché ritenuto sconveniente, dato che l’edificio ospitava una casa di tolleranza. Infatti, il compositore lucchese Giacomo Puccini, con la sua proverbiale ironia toscana, in una lettera commentava alla sorella Ramelde: “E pensare che il Boccherini non ha che una lapide sul muro d’un casino”. (Giacomo Puccini alla sorella Ramelde 6 marzo 1901). Questa frase è riportata su di una piccola targa proprio all’esterno dell’ingresso dell’albergo citato. Non è facile da individuare. Si trova infatti in una stretta e tortuosa viuzza dietro il Teatro comunale del Giglio....

Giardino di fronte a Palazzo Orsetti

Giardino pubblico di fronte a palazzo Orsetti (sede del Comune di Lucca)

Scritto il by

Articolo della serie: “11 Curiosità da vedere e conoscere a Lucca”  E’ questo un piccolo angolo di Paradiso; quasi un giardino segreto per chi non lo conosce o lo intravede dalle grate delle finestre che, in maniera cadenzata e regolare, rompono il suo muro di recinzione su due lati.Una piccola oasi di verde pubblico proprio davanti al Comune. Un tempo il giardino doveva appartenere al palazzo al quale si addossa. Lo prova il bel pozzo antico in marmo al quale dovevano attingere le molte secchie che venivano calate proprio dagli ambienti di servizio del palazzo prospiciente. Il giardino presenta una varietà di piante ed alberi tipiche del gusto ottocentesco lucchese: un tiglio, una magnolia, una palma, camelie e piante esotiche di gusto orientale, come il glicine che sovrasta il muro di cinta. Vale la pena sostare per riposare su...

Facciata Cappella di Meati

La devozione, la solidarietà e la pestilenza. La cappella sulla via per Meati a Lucca.

Scritto il by

Ci sarò passato davanti chissà quante volte e da tempo mi riproponevo di prenderla in considerazione. Mi riferisco alla cappella di notevoli dimensioni che si trova lungo la via che da San Donato, passato il semaforo che incrocia il viale che conduce verso l’autostrada cosiddetta “Bretella”, prosegue verso Meati, subito dopo il sottopasso autostradale. Ultimamente, da disoccupato, ho molto tempo per passeggiare lungo le strade di campagna. Spesso mi sono imbattuto in edicole votive più o meno ben conservate, ben visibili presso i crocicchi delle strade paesane. Sono dedicate ai più disparati santi; alcuni più strettamente legati alla devozione locale, altri molto noti, quantomeno in tutta Italia. Nessuna però è comparabile a quella che vi voglio descrivere oggi, pur essendo ormai decontestualizzata da quella campagna che in origine la doveva circondare. Ai nostri giorni, infatti, è circondata da costruzioni...

WhatsApp Image 2019-11-12 at 15.22.12

La pietra detta “del diavolo” in palazzo Bernardini

Scritto il by

11 curiosità da vedere e conoscere a Lucca Se cerchiamo cosa visitare in una città, il web propone di solito una lista di dieci cose o luoghi da visitare spesso molto popolari, direi quasi scontati. Io, invece, ve ne propongo undici perché me ne è venuta in mente una in più del dovuto rispetto al sistema “decimale” che tutti adottano ed io non voglio nascondervela. In realtà, se mi mettessi a pensare ad altri luoghi o cose particolari nella mia città, forse potrei non finire mai la lista, ma per il momento va bene così. Palazzo Bernardini si trova lungo la via Santa Croce: una delle vie principali cittadine. Più precisamente, si trova lungo la via percorsa da tutti i pellegrini che, passando per Lucca, andavano nella direzione di Roma. Un palazzo quindi ben in vista ai passanti. Ricostruito...

1_barone

Il cannone del Barone di Munchausen

Scritto il by

Vi ricordate delle storie fantastiche del Barone di Munchausen? Un avventuroso quanto bizzarro eroe del XVIII secolo che, con mezzi e in situazioni surreali, combatte la sua guerra contro i turchi facendosi lanciare su di una palla di cannone al centro della battaglia. Bene: io, forse, ho trovato il cannone che ha sparato quello straordinario colpo. Buuuum! Direte voi. Questa volta l’ha sparata veramente grossa. Certo comprendo il vostro dubbio, la vostra perplessità. Com’è possibile che affermi una tale assurdità proprio colui che dichiara e scrive che le fonti per narrare la storia sono la cosa più importante? Ebbene, qui di seguito ve ne fornirò gli indizi. Sappiate dunque che l’Archivio di Stato di Lucca, sin dalle mie prime ricerche di studente universitario, è sempre stato uno dei luoghi più affascinanti, direi intriganti che abbia mai frequentato. Seguendo il...

Piazza San Michele deserta

Città deserte

Scritto il by

Un touch sullo schermo, poi un dito sulla ” f ” bianca in campo blu, lo scorrere delle immagini. Fermo lo sguardo su alcuni post che mostrano le città d’arte italiane e fra queste Lucca, nel giorno di Pasquetta. Filmato di Firenze: Duomo e Battistero, piazza della Repubblica, Santa Maria Novella, Piazza della Signoria, lungarni. Filmato di Lucca: Via Fillungo, Anfiteatro, Piazza San Michele, incrocio di canto d’Arco. Ovunque strade e piazze deserte. Solo gli autobus urbani, totalmente vuoti, si muovono lungo i loro circuiti prestabiliti come miniature di un diorama dei trenini elettrici. Sequenza dopo sequenza, scatto dopo scatto, i filmati come le fotografie, cristallizzano ancora di più la sospensione del tempo nell’assenza di un elemento fondamentale: la vita. Leggo e mi sconcertano i commenti. “Fantastico”, “Che bella Firenze deserta”, “Bella mi Lucca! La vedremo più così bella” e...

chiavi volto santo

Le chiavi della città

Scritto il by

In questi giorni di quarantena ci sentiamo limitati della nostra libertà personale, ma accettiamo questo piccolo sforzo pensando che questo serve a tutelare tutti noi in quanto comunità. In effetti, se guardiamo indietro nel tempo, vediamo che la necessità di protezione e di difesa spesso è stata anteposta ai bisogni dei singoli individui. Mi riferisco per esempio alla libertà di circolazione e ai controlli che si svolsero nel passato nella Repubblica di Lucca. Le Mura attuali vennero costruite per difendere la città. Si trattò di un ingente sforzo economico e umano nonché di un’opera di ingegneria militare molto avanzata per il tempo. Le porte delle Mura erano un punto debole di questo potente strumento di difesa ed erano considerate fonte di pericolo se non soggette ad una protezione adeguata. E’nella prima metà del 1600, quando le mura attuali furono...

Gatto

Animali e monumenti. La loro inconsapevole rivincita da eroi sul genere umano in tempo di Covid19

Scritto il by

Strano titolo. Cosa c’entrano i monumenti con gli animali? C’entrano, c’entrano eccome. Ma prima un doveroso preambolo. Ora più che mai, costretti dalla pandemia virale nelle nostre case a saziarci gli occhi e lo spirito con le immagini che ci provengono dall’esterno grazie agli Smart Devices, stiamo notando quanto la natura stia riprendendosi i propri spazi e gli animali, in mezzo ad essa, stiano riprendendo i propri innati comportamenti. Foto di papere che in fila ordinata attraversano, indenni, le strisce pedonali, daini accovacciati in mezzo alle autostrade, lupi che si avvicinano quanto mai prima ai luoghi abitati dagli uomini. La lista è infinita. La primavera, poi, che, come se non bastasse, ci mette del suo. Mai come in questi giorni ci dona cieli tersi ed incontaminati. Le api e le farfalle nonché le prime rondini vi disegnano fantasiose acrobazie....

Foto della scalinata di Palazzo Pfanner

La birreria Pfanner nei ricordi di un giapponese

Scritto il by

Di aneddoti più o meno divertenti o interessanti una guida turistica ne ha molti da tirare fuori a richiesta dal suo cilindro magico. Anche io ne potrei raccontare molte di storie divertenti, tristi, piccanti, grottesche e chi più ne ha più ne metta. Tuttavia, al momento mi voglio ancora limitare a quelle esperienze che mi hanno poi condotto a scoprire storie e fatti della mia città. Sappiate dunque che sino a non molti anni fa era estremamente raro incontrare per le strade, le piazze e sulle Mura di Lucca un figlio del Sol Levante, un giapponese voglio dire. Pisa, Firenze, solo per citare la Toscana, al contrario hanno sempre visto brulicare gruppi e individuali giapponesi trotterellare di corsa, in movimento rapido, da un luogo ad un altro. Fu quindi con molta sorpresa che circa venti anni fa, ma forse...

Poesia di ricordi: Geppe e il vernacolo lucchese

Scritto il by

In questo post cambio decisamente tono, sterzando su un tema diverso ma sempre relativo a quei saperi nei quali una guida turistica dovrebbe essere in grado di destreggiarsi, più o meno bene: letteratura e poesia. Più precisamente, oggi vorrei fare cenno alla poesia vernacolare lucchese. Chi legge comprende bene che questo è un soggetto difficile da proporre ad una clientela turistica che, se pur italiana, spesso proviene da regioni con dialetti diversi; forse meglio dire lingue diverse. Anche io ho dovuto “cambiare lingua” da adolescente. Sono nato a Milano e mia madre faceva di cognome Bassetti ma, arrivato ai dodici anni, mi “lucchesizzai” in fretta anche se, a dire il vero, una certa esse ronzante mi è rimasta, facendomi dire ancora oggi casa e chiesa con accento decisamente nordico. Tuttavia, mio padre, lucchese nel cuore e nell’anima, mi ha...