Turislucca

“L’omino barbuto”

Scritto il by

Visita a Barga con particolare attenzione al pulpito, magnifico gioiello dell’arte medievale del XIII secolo. Pochi sono i pulpiti conservati così bene in lucchesia e sorprendente, almeno per me, è l’atmosfera che si respira ogni volta che si entra nella chiesa. Sarà la poca luce filtrata dalle piccole finestre di alabastro, sarà il grigio della pietra, sarà il silenzio quasi surreale, ma non c’è niente da fare il Duomo di Barga resta sempre e comunque un’esperienza. Il Pulpito ti accoglie nella penombra intatto e magnifico. Opera di Guido Bigarelli, uno dei migliori maestri comacini o forse, come alcuni storici dell’arte hanno ipotizzato, opera da attribuire a Guidetto da Como. Ma questo cambia poco la sostanza delle cose perchè la mano dei comacini era forte, determinata, chiara, a tratti ironica e ricca di simbologia. Maestri comacini che imperversarono per decenni...

La Rocca di Pietrasanta

Scritto il by

Bastano pochissimi minuti di salita per arrivare alla rocca sopra Pietrasanta, pochi minuti a piedi per trovarsi davanti ad uno splendido paesaggio che va dalla costa ligure a tutta la Versilia. Grande è lo stupore di fronte all’ imponenza della fortificazione quanto grande è la rabbia che sale a vedere il suo stato di abbandono. ll bel palazzo Guinigi, al suo interno, è ormai ridotto ad un rudere, i solai crollati, il tetto che sta cedendo e i rovi che ricoprono un pò tutto. Eppure la rocca mostra ancora tutto il suo perimetro, si leggono i passaggi per i cavalli, la corte interna, le tracce delle torri, le feritoie, il castelletto sopra la porta principale e alcuni stemmi in marmo sopra gli archi, c’è ancora il pozzo e addirittura si intravedono gli ingressi dei corridoi utilizzati come vie di...

La pizza e Lucca

Scritto il by

Lucca vista dall’alto sembra una pizza. I bastioni delle mura sono il bordo dell’impasto, i tetti degli edifici con le tegole in terracotta sono il pomodoro, il bianco della mozzarella i marmi delle chiese più antiche e l’origano i capperi e le  acciughe i giardini  pubblici e privati sparsi per la città.  Ci vuole più che un pizzico di fantasia, lo ammetto. Anzi certamente qualcuno storgerà il naso o la bocca. Però’con un pò di fantasia, volendo, più o meno ci siamo. Eppure tutte le volte che un turista straniero, per lo più anglofono, mi chiede con un sorriso di consigliargli dove si mangia la migliore pizza a Lucca, il mio imbarazzo e’ sempre evidente.  Difficile rispondere. La vera pizza e solo quella Napoletana o più in generale meridionale e attualemente non tutti la gradiscono. Come molti della mia...

Visita alla Linea Gotica di Borgo a Mozzano e S.Anna di Stazzema

Scritto il by

Tra il 1943 e l’estate del 1944 i comandanti dell’esercito tedesco stabilirono, come ultimo baluardo all’invasione dell’Italia Settentrionale, di costruire una formidabile linea difensiva dall’Adriatico al Tirreno (320 Km Viareggio – Rimini). L’opera fu affidata all’organizzatore Todt che, con la manodopera di migliaia di uomini, in circa un anno costruì formidabili fortificazioni. Nella MediaValle del Serchio, a Borgo a Mozzano, sono ancora esistenti e ben conservati bunker, piazzole antiaeree, camminamenti, valli anticarro. Questo sito è rimasto l’unico intatto di tutta la Linea Gotica e per questo rappresenta un notevole patrimonio documentario. Bunker Linea Gotica – Incontro con la guida nel piazzale della Stazione FS di Borgo a Mozzano – Visita del Museo della Linea Gotica – Visita del bunker loc. Pozzori – Visita del bunker loc. Madonna di Mao – Visita del secondo bunker loc. Anchiano – Visita del...

Capodanno pisano. Itinerari toscani nel tempo e nella storia

Scritto il by

Giornata freddina e grigiastra ieri mattina. I primi turisti cominciavano a concentrarsi in quello splendore che è la piazza dei miracoli a Pisa. Anche io, come guida turistica, mi aggiravo tra un edificio monumentale e l’altro, quando sento in lontananza un rullo di tamburi. Uno sciame di bambini delle scuole elementari cominciano ad affluire da ogni dove con una bandierina pisana ben stretta nelle manine. Croce bianca con le tipiche pallette alle estremità su campo rosso. Pochi minuti ed è tutto uno sventolare di bandiere, soldati in costume tardo cinquecentesco e figuranti con altri costumi variopinti. A quel punto una collega incrociandomi mi dice sorridendo: “buon anno ! Buon 2014”. Solo allora capisco che, pur essendo per il mondo intero il 25 di marzo 2013, solo Pisa festeggia in anticipo di nove mesi il nuovo anno; il 2014. E...

Il Campo Balilla. Le memorie del cuore. Itinerari di ricordi lucchesi

Scritto il by

Tempus fugit, carpe diem , una miriade di modi di dire che in sintesi esprimono tutti lo stesso ineluttabile concetto: la vita va vissuta intensamente in ogni momento. La memoria degli anni passati spesso fa si che questi appaiano tuttavia come i ricordi di ieri mattina. In questo vortice di ricordi emergono immagini di luoghi e volti che, proprio perchè vissuti intensamente, spesso ci riportano sulle labbra un sorriso. Sono luoghi il più delle volte scomparsi o che hanno mutato oggi radicalmente il loro aspetto. La nostalgia alimenta così, in quei fugaci momenti di memorie passate, i palpiti del nostro cuore. E’ la vita. La vita fatta anche di ricordi e di angoli del cuore. Quanti ne abbiamo nelle nostre città ! Basterebbe digitare su facebook il nome di una città qualsiasi d’Italia per scoprire gruppi di nostalgici che...

L’amor che move il sole e l’altre stelle: itinerari turistici per la scoperta astrale in Toscana e in lucchesia

Scritto il by

Sono  sempre più frequenti gli articoli nei media internazionali che riguardano temi astronomici. Sarà il timore costante di una tanto temuta catastrofe planetaria, oppure la naturale propensione dell’essere umano a tendere lo sguardo “oltre la siepe”, verso il cielo e gli spazi infiniti, verso il trascendente. Sia quel che sia, ma anche le nuove, come le precedenti generazioni, hanno sempre trovato una incredibile attrazione nel cercare nell’immensità del cielo e negli astri una qualche risposta alla nostra esistenza. La Toscana è stata da sempre una regione storicamente legata a questi temi. Dal sommo poeta dante Alighieri, passando poi a Galileo Galilei, uno dei padri dell’indagine astronomica, alla contemporanea Margherita Hack, famosa astrofisica e divulgatrice, la Toscana ha declinato le stelle in mille modi e maniere diverse del sentire umano. Tuttavia ciò che a me interessa maggiormente, sia dal punto...

Pesce di paranza ? Voglia di mare, voglia di Versilia

Scritto il by

Oggi è un martedì invernale e come il venerdì, seguendo le indicazioni della migliore tradizione cattolica, sarebbe giorno di magro, ovvero il giorno della penitenza e delle privazioni. Dopo il concilio di Trento, la chiesa cattolica controriformista vietò il consumo della carne nei giorni del martedì ed in particolare del venerdì che anticipava le festività religiose del fine settimana. Il pesce quindi fu l’unico piatto “di magro” ammesso sulle tavole dei cattolici. Ai nostri giorni ogni giorno è uguale a quello precedente e a quello che verrà. Tuttavia questi antichi precetti, che sono comunque la  base per una sana diversificazione alimentare settimanale, sono ormai rimasti una tradizione che ho fatto mia, più che per l’antico significato religioso per un moderno, laico stile di vita. Il pesce quindi sulla mia tavola anche in inverno. E’ vero; come ho già scritto,...

In bicicletta per ville Lucchesi

Scritto il by

“Domani il tempo sarà bello, un pò freddino però bello. Andiamo alle ville in bici ?” Questa la proposta che mi ha fatto Carlo, il mio amico e collega. Detto, fatto ! Ore 10.30 partenza da Lucca con le nostre mountain byke e in pochi minuti ci troviamo lungo l’argine del fiume Serchio, il fiume dei lucchesi. Il giorno prima ha piovuto e sullo sterrato emergono alcune pozzanghere d’acqua che rendono il  percorso più “wild”,  ma non poi così tanto da impedire ad un cinquantenne con la voglia di pedalare di godersi un pò d’aria fresca in una bella giornata di sole.  Giornata spettacolare e cielo terzo. Parlando piacevolmente del più e del meno, dopo circa mezzora lungo il fiume lo lasciamo per trovarci, come d’incanto su un lungo vialone fra i campi e sullo sfondo la prima villa...