Turislucca

La guerra del "Kebab" a Lucca

Ieri ho cominciato questa esperienza di blogger con un piccolo articolo che informa dell’arrivo a Lucca di una delegazione di ambasciatori accreditati presso la Santa Sede. Era solo un piccolo esperimento, ma chi vorrà leggere i miei o i nostri commenti anche in seguito, potrà scoprire la storia e la realtà di Lucca e più in generale della Toscana, vista dagli occhi di chi deve offrire questo territorio quotidianamente a tutti coloro che ne vogliono conoscere i suoi aspetti variegati e a volte segreti ed intimi. La nostra professione di guide turistiche ci pone a contatto o a confronto con tutte le fascie sociali. Bambini, anziani, rappresentanti di istituzioni pubbliche e private, famiglie e lavoratori. Tutti vogliono vivere in un modo o in un altro una esperienza limitata nel tempo ma comunque unica ed irripetibile alla scoperta di nuove realtà e sensazioni. Lucca sino ai nostri giorni ha mantenuto pressochè intatti non solo la sua immagine, le sue tradizioni ed il suo incredibile patrimonio storico artistico, ma sopratutto una dimensione umana della qualità della vita pressochè unica. Ciò è dovuto alle singolari caratteristiche urbanistiche della città chiusa interamente da mura rinascimentali e anche grazie a questo pressochè priva di traffico automobilistico. Tuttavia anche a Lucca le normali dinamiche di mutamento delle attività commerciali dovute alla cosidetta globalizzazione, stanno destando perplessità e commenti a riguardo sempre più frequenti non solo da parte dei lucchesi ma anche da parte dei turisti in visita alla città. Valga per tutti ad esempio il problema dei rivenditori di kebab nel centro storico. Su questo argomento si è creata una vera e propria disputa di opinioni. A tal proposito mi è capitato di essere intervistato da una emittente radiofonica di Firenze : Controradio. Fino a quel momento in verità non mi ero posto il problema più di tanto. Poi, dovendo rispondere è emersa una ragione storica alla base di questo “problema”. Lucca è stata per secoli una città indipendente e volutamente isolata. Per questo ha seguito per secoli un percorso politico e sociale che in alcuni casi l’ha spinta ad attuare una economia quasi autarchica. Questa caratteristica del locale come bello e unico si è protratta nel tempo sedimentandosi quasi inconsapevolmente nel DNA dei lucchesi. Oggi ogni piccola variazione della tradizione rompe gli equilibri e la memoria storica degli abitanti. Il dilemma quindi che si pone oggi per tutti, locali e turisti è: deve una città come Lucca rompere con il suo sistema economico “autarchico” o è destinata a una irreversibile deriva verso il cambiamento? Città museo di se stessa o città aperta e tollerante anche alle nuove piccole realtà economiche che giungono da fuori ?
Nel suo passato Lucca ha avuto altre situazioni analoghe ? E se si, i commenti critici di oggi sono solo un polverone fuori luogo?
Vedremo. Penso comunque che Lucca oggi sia una città fragile sotto molti punti di vista e che la globalizzazione non si adatti alle nostre piccole città d’arte. Riflettere, pensare a soluzioni ed agire in tempi rapidi. Credo che sia l’unica cosa veramente da fare da parte di tutti coloro che in qualche modo sono coinvolti da queste tematiche.
Gabriele Calabrese

2 commenti a “La guerra del "Kebab" a Lucca

  1. Ciao Gabriele, innanzitutto benvenuto nel mondo dei blog! Ho trovato per caso il tuo articolo cercando info sulla guerra del Kebab. Interessante il tuo punto di vista, sconvolgente per me (giornalista da diversi anni) la formulazione della norma da parte della Giunta della tua città. Citare le “etnie diverse” nel testo della legge è talmente forte che potrebbe trattarsi addirittura di ingenuità…. Non per questo meno grave perchè nasconde un problema di xenofobia difficile da arginare in tutte le città d’Italia. Scusa se ti ho rubato tempo, dato che sei nuovo dei blog ho colto l’occasione per dirti come la vedo e per darti il benvenuto in questo mondo del feedback 😉 Fabrizio

  2. Sono di Lucca e posso dire che i giornali hanno detto un mucchio di c*****e, solo per fare i titoloni. Dovete venire a Lucca per capire. Prima di tutto la città storica è racchiusa in una anello di mura intatto di 4 km di circonferenza. Tutta la città è perfettamente conservata. I nostri avi ci hanno lasciato un gioiello e sta a noi “difenderlo”. Nel centro storico, quindi, un cittadino residente non può nemmeno mettere la parabolica sul tetto! Non solo non possono aprire Mc Donald’s e nuovi kebab (sono quattro a distanza di 300 mt l’uno dall’altro), ma nemmeno i sexi shop o le rivendite di articoli da mare (ma non ho visto crociate e accuse di razzismo per vibratori e tavole da surf). Siamo al ridicolo! Lo sanno quelli che hanno inscenato la protesta del kebab che quelli che hanno aperto nel nostro centro storico (e che nessuno ormai toccherà e continueranno a lavorare) sono una MULTINAZIONALE TEDESCA DEL KEBAB del tutto uguale a Mc Donald’s? Danno posti di lavoro? I posti di lavoro a Lucca lì da il turismo e chi viene qui vuol vedere e vivere la cultura della nostra città e non mangiare ciò che può benissimo trovare sotto casa sua (senza fare tanti chilometri). Il nostro centro storico è intatto e megnifico e noi lo vogliamo così. Chi vuol mangiare etnico ha altri 185 km quadrati dove possono aprire ristoranti di ogni schefezza! ma non dentro i 4 km delle mura urbane. Grande e coraggioso sindaco Favilla! continua così, la tua città è con te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *